1. Fondirigenti
  2. Senza categoria
  3. Cosa sono i fondi interprofessionali

6Lug 2018

Cosa sono i fondi interprofessionali

Le aziende hanno l’opportunità di finanziare la formazione dei propri dipendenti. Tutto ciò è possibile grazie ai fondi interprofessionali, una risorsa di facile accesso ma non sempre conosciuta. 

Fondi interprofessionali: cosa sono

Istituiti con la legge 388/2000 ed entrati in attività dal 2003, i fondi interprofessionali sono organismi privati di natura associativa creati con lo scopo di finanziare le attività formative dei lavoratori dipendenti delle imprese aderenti. Aderendo ai fondi – con il modello INPS UNIEMENS – si sceglie di destinare al finanziamento della formazione dei propri dipendenti, senza alcun costo aggiuntivo, l’importo dello 0,30% delle retribuzioni, versato mensilmente all’INPS come contributo integrativo per la disoccupazione involontaria.

Cosa sono i fondi interprofessionali - figure con buble - fumetto

Come funzionano i fondi interprofessionali 

Dopo aver aderito, l’azienda potrà accedere ai finanziamenti del Fondo prescelto. Per farlo dovrà presentare un piano formativo indicando obiettivi, finalità, destinatari, contenuti e modalità formative e costi. Una volta presentato il piano, questo viene valutato dal fondo. Dopo l’approvazione e lo svolgimento delle attività, l’azienda otterrà il rimborso dei costi effettivamente sostenuti, presentando la rendicontazione.

Perché avvalersi dei fondi interprofessionali

Il mercato del lavoro è diventato negli ultimi decenni sempre più dinamico, soprattutto in seguito agli effetti della rivoluzione digitale. Per poter adattarsi ai cambiamenti in atto, i lavoratori devono aggiornarsi costantemente, garantendo così maggiore produttività ed efficienza. Poter disporre di risorse gratuite per il finanziamento della formazione continua è per le imprese un grande vantaggio. 

I piani formativi finanziabili sono molteplici. Per fare alcuni esempi, una proposta formativa finanziata attraverso i fondi interprofessionali può includere corsi di lingue, di informatica, project management, ma può contenere anche moduli specialistici in campo giuridico, fiscale, amministrativo e finanziario. Inoltre, si possono acquisire “soft skills”, come problem solving, capacità di mediazione e negoziazione, gestione dei team di lavoro, leadership e molte altre.

La formazione continua in Italia

Cosa sono i fondi interprofessionali- matite appaggiate al muro

I fondi interprofessionali contribuiscono a promuovere la formazione continua in Italia, su questo fronte in ritardo rispetto alle medie europee.

Grazie all’apporto dei fondi la situazione sta migliorando. Secondo l’ultimo rapporto ANPAL sulla formazione continua, ad oggi sono circa 950 mila le imprese che hanno deciso di aderire ai fondi, mettendo a disposizione opportunità formative per 10 milioni di lavoratori. Relativamente ai finanziamenti, a partire dal 2004, il sistema dei fondi interprofessionali ha permesso di mobilitare più di 5 miliardi di euro, un dato che fa riflettere circa il potenziale di un sistema che può dare molte opportunità ai lavoratori e alle imprese del nostro Paese.